CHI SIAMO I PERCHE' STATUTO ORGANICO DONAZIONI CONTATTI
Festa dell'Abbadia Nuova 2012 Home Page Pubblicazioni - PRESTO ON-LINE
Scarica il modulo di ammissione socio Dona il Cinque per Mille
CHI SIAMO
L’abbinamento tra l’antica Arte dei vasai senesi e il Nicchio ha concrete fondamenta. Nel suo rione, infatti, come attestano le fonti storiche e i ritrovamenti esposti nella sala dei Vasai, fiorirono numerose botteghe di vasaio. Per i molti secoli, l’operosità degli artigiani costituì l’ossatura della città e non è azzardato dire che gran parte dello spirito delle antiche corporazioni vive ancora nelle nostre contrade. Uno spirito che unisce l’orgoglio per le opere fatte a regola d’arte con la naturale vocazione alla solidarietà tra fratelli di mestiere.
Ispirata a questa idea, è nata l’iniziativa di fondare un’associazione, che, in chiave moderna e non solo simbolica, ne rendesse più espliciti e concretamente praticabili gli indiscussi valori morale e i potenziali vantaggi materiali.
Tuttavia, è evidente che, per centrare lo scopo, i doverosi riferimenti storici non sono sufficienti. E’ necessario raccogliere risorse adeguate e, soprattutto, contare sul volontariato di numerosi soci (nicchiaioli e non) convinti della validità dell’impresa.
Per rispondere a queste esigenze, si è fatto ricorso all’inserimento dell’associazione nell’ordinamento delle ONLUS, organismi previsti dalla legge per favorire l’impegno sociale dei cittadini.
Un’associazione ONLUS, infatti, gode d’importanti vantaggi fiscali, che le consentono una sorte di autofinanziamento. E, infatti, possibile destinarle, (anche se non se ne è soci) il cinque per mille delle proprie tasse e beneficiare del risparmio fiscale relativo alle donazioni a suo favore.
L’Arte dei Vasai nasce quindi nel cuore della Nobile Contrada del Nicchio per esaltarne i valori fondanti, ma non è preclusa a chi al Nicchio non appartiene, né, meno che mai, costituisce un doppione delle istituzioni tradizionali della contrada.
E’ un mezzo, concreto e moderno, per riscoprire l’importanza della produzione e non del passivo consumo della cultura, unitamente alla possibilità di contribuire al grande valore della solidarietà, tanto con la propria opera, quanto, senza sacrificio alcuno, con quote del proprio reddito.